Provincia autonoma di Trento Soprintendenza per i beni culturali

Provincia autonoma di Trento Soprintendenza per i beni culturali

La Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento opera secondo i principi fondamentali del dettato costituzionale e in questo senso la Cultura rappresenta un diritto/dovere: l'art. 9 della Costituzione recita infatti "La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione."

I beni culturali sono beni di interesse pubblico e in quanto tali rientrano nel diritto pubblico - la loro tutela assume rilevanza penale.

 In base allo Statuto di autonomia, D.P.R. 31 agosto 1972, n. 670 “Approvazione del testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige” e relativa norma attuativa D.P.R. 1° novembre 1973, n. 690 “Norme di attuazione dello statuto speciale per la regione Trentino-Alto Adige concernente tutela e conservazione del patrimonio storico, artistico e popolare”, la Provincia ha assunto le competenze statali in materia di beni culturali.

La Soprintendenza si declina in:

  • Ufficio affari generali e assetto organizzativo
  • Ufficio beni archeologici
  • Ufficio beni architettonici
  • Ufficio beni archivistici, librari e Archivio provinciale
  • Ufficio legale e contenzioso
  • Ufficio per i beni storico-artistici
  • Ufficio supporto giuridico amministrativo per le funzioni di tutela